Gangbang al ristorante

Una sera eravamo andati in un ristorantino in periferia a Milano, dove non eravamo mai stati. Mi avevano detto che si mangiava bene ed era un posticino simpatico e tranquillo. Era già piuttosto tardi, Infatti era quasi vuoto, oltre ad un paio di coppie c’erano solo 5 ragazzi proprio al tavolo di fianco al nostro che facevano un bel pò di casino, ma erano simpatici e non ci davano particolarmente fastidio. Stavano festeggiando l’addio al celibato di uno di loro e le bottiglie si svuotavano rapidamente, finche cominciarono ad intonare canzonacce da osteria, noi divertiti ci siamo univamo al coro, mentre le altre coppie erano abbastanza seccate, noi ridevamo ed alzavamo i calici con i ragazzi, che piacevolmente stupiti, soprattutto dalla disinvoltura di mia moglie ci invitavano al loro tavolo che era in arrivo la torta con un paio di bottiglie di champagne, accettavamo volentieri, cosi io finii a capotavola e lei tra i ragazzi. Tra un brindisi e l’altro cominciarono anche a fare battute un po spinte. Nel frattempo gli altri clienti con il muso ingrugnato chiedevano il conto, lasciando così tutto il ristorante a nostra disposizione. A questo punto i ragazzi cominciavano ad andare su di giri, arrivò una strana torta e il proprietario che fungeva anche da unico cameriere, annunciò che la cuoca stava andando a casa, ma aveva preparato la sua specialità la torta “Mariagiuana”.

La torta venne divisa in belle fette che tutti mangiammo accompagnandola da numerosi brindisi indirizzati a Salvatore, che era il prossimo novello sposo a cui era dedicata la festicciola di addio al celibato e naturalmente a mia moglie. La “Mariagiuana” era veramente deliziosa,anche se con uno strano gusto esotico che non conoscevo, tra una bevuta e l’altra cominciava a girarmi la testa, mi moglie rideva e si contorceva per respingere i due che aveva di fianco che ridendo e scherzando ogni tanto allungavano le mani, ad un certo punto cominciai a sentire un pò di nausea e dovetti correre in bagno prima di vomitare sul tavolo. Rimasi in bagno un bel pò ( evitiamo i dettagli), quando ritornai in sala ci vedevo doppio e mi girava la testa ma mi sentivo preda di una grande euforia. Non riuscivo a vedere dove fosse finita mia moglie, tutti i ragazzi erano in piedi in semicerchio, feci per avvicinarmi ma il titolare del ristorante sorridendo mi disse,
“Aspetta un momento che c’è una scommessa in corso,,, vieni ti offro da bere” Tentai di rifiutare ma non ci fu verso, se non volevo offenderlo dovevo brindare con lui. Il primo chupito andò giù e mi sentii subito meglio, stranamente mi sembrava che la testa non girasse più, non feci neppure caso che la saracinesca del locale era stata abbassata. Altri due o tre bicchierini seguirono a ruota libera….
Ad un certo punto sentii un urletto, e io volevo vedere che cosa stava succedendo, quindi ignorando il ristoratore che cercava di trattenermi, mi intrufolai tra i ragazzi e…. non misi subito a fuoco la scena, ma poi la realtà mi colpì allo stomaco, A….. era seduta con le sue belle tette fuori dalla camicetta, che i ragazzi facevano a gara a palpeggiarle allegramente, mentre lei, succhiava con molto impegno il cazzo a un ragazzo, in piedi davanti a lei e menava altri due cazzi, beh rimasi sbalordito, pensai che dovevo subito intervenire, invece rimasi fermo immobile a guardare la scena, mentre l’uccello mi era venuto duro come un sasso. Il festeggiato, nel frattempo aveva tolto il pene di bocca della mia dolce mogliettina e sussultando gli sborrava abbondantemente sulle tette sfregandole il glande sui capezzoli.
Uno della banda un piccoletto ma con una sberla di tarello che non avrebbe sfigurato neanche vicino a Rocco Siffredi, velocissimo aveva sostituito il festeggiato e la stava pompando in bocca, con grande goduria e sussurrava :- “siii daiii così succhialo tutto zoccola !” Gli altri ragazzi facevano il coro “ciuccia Monica-Zoccola succhia dai” Non sapevo veramente cosa fare, ma….la libidine me lo impediva, forse la “mariagiuana” centrava un po’, boh fatto sta’ che sono rimasto a guardare e l’uccello mi tirava come un toro.
Il piccoletto era diventato rosso paonazzo e in meno di un minuto le stava riempiendo la bocca di sborra, anche uno dei due a cui A… menava l’uccello cominciò a spruzzargli sulle tette tutto il suo sperma, ma l’altro, un bel ragazzo biondo un po’ capellone, come si usava allora, senza troppi complimenti fa alzare mia moglie dalla sedia, la mette a 90 gradi e spostando le mutandine senza neanche sfilargliele, glielo infila in figa stantuffandola alla pecorina, e lei se lo becca tutto con un espressione beata, ma un altro ragazzo molto giovane, che fino a quel momento si era limitato a guardare, forse per timidezza, decide di avvicinarsi e approfittando del fatto che io non ho nessuna reazione apparente, mentre lei spalanca la bocca, per le gran bordate di cazzo in figa e le sberle che il biondo le rifila sulle chiappe facendole arrossare, glielo schiaffa in bocca, lei lo accetta con piacere e lo lecca con goduria, come fosse un dolce ghiacciolo.

Io ero arrapato come un animale in calore, mai in vita mia il livello di libidine era arrivato così in alto, il cazzo era a mille, non potevo più tenerlo a freno, lo tirai fuori, mi avvicinai ai tre e guidai una mano della mia sposa sull’uccello, lei mi guardò in faccia esorridendo me lo prese in bocca mentre continuava a menare quello del tizio timido.
Ragazzi che roba !!! chi non ha mai provato non lo può capire, forse sono un depravato come direbbe mia zia Mariuccia, o un cornuto ? non lo so, non credo, per me le corna sono quelle fatte di nascosto e con ipocrisia, questa è un altra cosa, questa è TRASGRESSIONE pura al massimo livello… e non sono nemmeno gay … eppure vedere la mia donna, mia moglie, bombardata in figa, che alternativamente succhiava in mio membro e quello di un ragazzino sconosciuto mi faceva letteralmente impazzire !

Non è durata molto eravamo tutti troppo arrapati, il biondo cominciò a gridare; vengo…. cazzo…. vengooo…. !!! e detto fatto lo tirò fuori e le sparò quattro bordate di sperma caldo sul culo, sulla schiena, intano lei aveva ingoiato tutti e due i cazzi, il mio e quello del ragazzino, li succhiava insieme, poi li masturbava, li leccava, li ciucciava, li pastrugnava alternativamente e sorrideva come un angelo diabolico, iniziammo a sborrare entrambi e lei avidamente ingoiava il cocktail di sperma come fosse un nettare e veniva mugolando e tremando tutta come se avesse la febbre a 40.

Intanto il biondo le aveva infilato il cazzo in culo alla vigliacca, così lei che non lo aveva mai preso in quel posto, continuava a godere come una troia sino quasi allo svenimento. Sembrava tutto finito, io mi ero seduto in un angolo con la testa frastornata, Monica in piedi, con un tovagliolo cercava di ripulirsi alla meglio dallo sperma che le colava da tutte le parti, i ragazzi con aria soddisfatta commentavano ridendo l’accaduto, quando è arrivato il ristoratore, un omone grande e grosso sulla cinquantina, si è avvicinato a mia moglie dicendo: “Beh io vi ho messo a disposizione tutto il ristorante, ve la siete spassata alla grande, ma ora tocca a me !”

Fece sdraiare mia moglie sul tavolo, senza tanti complimenti le sollevò in alto le gambe appoggiandole sulle sue spalle, tirò fuori un membro non lungo ma terribilmente grosso, già bello tosto e glielo ficco in figa senza riguardo, tanto la mia mogliettina era ancora bagnata, un pò dai suoi umori un pò dalla sborra che qualcuno vi aveva depositato quindi l’uccello anche se era di una notevole circonferenza, entrava ed usciva senza difficoltà, le tette erano ancora fuori e lui gliele palpava e gli tirava i capezzoli con gusto, mi sembrava piuttosto rude il suo comportamento ed ebbi paura che le facesse male, per cui indeciso sul da farsi mi avvicinai, ma vidi che in realtà la mia zoccola ci aveva già ripreso gusto, chiavava con molta partecipazione ansimando per la goduria.

A questo punto visto che mi era tornato duro un altra volta e anche la mia libido era ripartita in quarta le rimisi il cazzo in mano, nel frattempo, il ragazzo che era venuto sulle tette solo con la sega, ne approfittò per schiaffarglielo in bocca e come per scusarsi mormorò : “Beh almeno un pompino lo vorrei anch’io” . Lei ormai era disponibile a tutto e riprese a succhiare con lena, questa volta la gang bang durò un po di più, l’uomo aveva già una certa età, io e il ragazzo eravamo già venuti da poco, poi quando finalmente il patron stava per venire se lo prese in mano e grugnendo diresse i getti della sua sborra sulle tette di Monica, il ragazzo invece gli riempì la bocca e lo sperma gli colava fuori ed io mi accontentai di ejaculare nelle sue mani tanta era l’eccitazione a vederla ancora così porca e lei veniva ancora per la quarta o la quinta volta.

anonimo